Dentro la stanza multisensoriale che alleggerisce l’autismo

0
224

Di FILIPPO SIMONETTI

Taglio del nastro da copione e decine di palloncini bianchi e azzurri in cielo. Il modo migliore per festeggiare la Giornata mondiale della consapevolezza sull’autismo. Inaugurata ieri a Vercelli la stanza multisensoriale tecnologicamente più avanzata d’Italia: nella sede messa a disposizione dall’Anffas, Angsa Novara-Vercelili (Associazione nazionale genitori soggetti autistici) e Biud10 (onlus vercellese che ha finanziato il progetto) hanno regalato un sogno alle persone con disturbi dello spettro autistico e problemi comportamentali. La sala, realizzata in poco più di un mese, é grande 35 metri quadrati ed é costata 60 mila euro. In Italia ce ne sono altre a Verona, Caltagirone e all’ospedale fiorentino Careggi, ma quella di Vercelli è la prima quanto a tecnologia. Dentro ha una pedana rotante, un’altalena di tessuto, un cuscino avvolgente, due nicchie, fibre ottiche, un proiettore per foto e video, fasci di luce e oggetti sensoriali. La personalizzazione delle impostazioni consente scelte sostenute dalla spinta motivazionale: ogni fruitore avrà i suoi video, musica, vibrazioni, aromi.

La stanza é il risultato di una progettazione integrata e prevede esperienze di scoperta, rilassamento e interazione. Un ambiente che facilita l’autodeterminazione e migliora la qualità della vita, permette di intervenire sugli stati di disregolazione comportamentale e sui disturbi sensoriali oltre a costituire un contesto privilegiato per l’interazione. La testimonianza di Fiorella, affetta da sindrome di Asperger, vale più di mille parole: «Nel mio caso le luci al neon producono effetti pesanti. Qualche minuto trascorso in questa stanza basta per trovare un equilibrio che dura settimane».

Paolo Zanoni di Biud10 é stato chiaro: «Dopo il micronido e l’area giochi inclusiva un altro sogno si realizza. Speriamo che altre città seguano il nostro esempio». Riconoscenza e gratitudine nelle parole di Benedetta Demartis e Francesca Debernardi (Angsa), di Lorenza Fontana e Chiara Pezzana. I dettagli del funzionamento sono stati spiegati dagli architetti Lorenzo Romualdi ed Elena Bellini della Duit, società di ricerca e sviluppo. Tramite un tablet e una pulsantiera i fruitori della stanza sono in grado di scegliere il tipo di suggestione e stimolazione sensoriale. Presente l’assessore regionale al welfare Augusto Ferrari.

Pubblicato il 03/04/2017 da La Stampa
Queste ed altre iniziative di DU IT sono disponibili scaricando questa Presentazione

Commenta

commenti


Previous articleAutismo: consapevoli e coerenti sempre
Next articleAUTISMO: GIUDIZI E PREGIUDIZI
Laureato in Psicologia, Neuroscienze, all’ Università degli Studi di TRENTO. Iscritto all’Albo degli Psicologi di Trento. Specializzando presso la Scuola di Psicoterapia Cognitiva di Verona. Iscritto a ISAAC ITALY. Si è specializzato nell’ ambito dei disturbi dello Spettro autistico attraverso la partecipazione a Master, Corsi di formazione e di perfezionamento. Ha svolto attività di ricerca e collabora con il Dipartimento di Scienze della Cognizione e della Formazione, Laboratorio di Osservazione Diagnosi e Formazione (ODFLab), dell’Università degli Studi di Trento.