Autismo: le femmine sono più brave a “camuffare” i tratti dell’autismo

383

I ricercatori hanno scoperto che le femmine con autismo “volano” sotto il radar della diagnosi perché risultano brave a camuffare i loro comportamenti.

Secondo la National Autistic Society, circa una persona su 100 è presente nello spettro dell’autismo e nel Regno Unito ci sono circa 700.000 adulti e bambini autistici, secondo la National Autistic Society.

Eppure una diagnosi di autismo è fatta molto più frequentemente, e in età più precoce, nei maschi rispetto alle femmine – a un tasso di circa quattro maschi per ogni femmina.

Un nuovo studio condotto da esperti del Center for Innovation in Mental Health dell’Università di Southampton, della Liverpool Hope University e dell’University College di Londra, ha gettato ulteriore luce su quanto le femmine siano abili a nascondersi – o quello che è stato definito ‘camuffamento’ – i loro tratti autistici al fine di adattarsi, un comportamento che potrebbe vederle schivare una diagnosi e non riuscire a ottenere l’aiuto di cui hanno bisogno.

In un test di comportamento sociale reciproco – che include un insieme di comportamenti come il fare a turno, seguire l’iniziativa di qualcun altro, ed essere flessibili – le femmine autistiche hanno mostrato una presentazione sociale più avanzata rispetto ai maschi, nonostante entrambi i sessi abbiano livelli simili di tratti autistici.

Dr. Henry Wood-Downie, who is now a Research Fellow at Southampton Education School, says that a better awareness of camouflaging could lead to increased support for those who might otherwise slip the net.

Commenting on the research, published in the Journal of Autism and Developmental Disorders, Dr. Wood-Downie suggested that: “We need to raise awareness of camouflaging in general, in terms of educating school staff, GPs and other practitioners, because there seems to be a lot of autistic females flying under the radar as things currently stand. And we want to raise this awareness so that girls who need it can access support at the earliest stage possible—because early intervention is usually key in promoting positive outcomes.”

Alcuni dei comportamenti tipici dei bambini con autismo includono il non rispondere al loro nome, evitare il contatto visivo, ripetere certe frasi, lottare per capire cosa pensano e sentono gli altri, adottare routine rigorose, e anche fare movimenti ripetitivi, come sbattere le mani, muovere le dita o dondolare il corpo.

L’autismo è anche associato ad una serie di punti di forza, tra cui l’attenzione al dettaglio, il pensiero logico e l’ottima memoria per gli argomenti di interesse.

Nel complesso, le ragazze autistiche possono essere più tranquille, nascondere i loro sentimenti e possono apparire più capaci di affrontare meglio le situazioni sociali, il che significa che possono non mostrare i comportamenti stereotipati associati all’autismo.

E la ricerca suggerisce che questi comportamenti possono riflettere le strategie di camuffamento usate nell’interazione sociale per apparire meno autistiche.

Lo studio stesso ha coinvolto un gruppo di 84 partecipanti, di età compresa tra gli 8-14 anni, e comprendeva bambini e adolescenti maschi e femmine autistici e non autistici.

Fondamentalmente, alcuni dei partecipanti autistici hanno ottenuto un punteggio elevato su una misura di tratti autistici, e dove c’erano state preoccupazioni sollevate da scuole e/o genitori, ma che in realtà non avevano una diagnosi formale di autismo – l’idea è che se si includono solo le femmine con una diagnosi formale, potrebbe mancare coloro che sono mimetizzati.

Per misurare il mimetismo comportamentale, i partecipanti hanno preso parte a un compito di disegno interattivo, in cui un ricercatore e un giovane si sono alternati per creare un disegno, come una casa, partendo da una semplice linea.

Il Dr. Wood-Downie dice: “Quello che stai cercando di vedere è se il bambino può lavorare con te per fare un disegno congiunto, per costruire sui passi graduali che entrambi mettete in pratica. Potreste, per esempio, cambiare il disegno per vedere se il bambino o l’adolescente può essere flessibile con voi, cosa che si pensa sia difficile per molti bambini autistici”.

Agli sforzi di comportamento reciproco sono stati assegnati punti se, ad esempio, il bambino o l’adolescente ha dato un contributo significativo al disegno o ha spinto la carta sulla scrivania dopo il loro turno, prima che fosse assegnato un punteggio complessivo.

Per quanto riguarda le partecipanti femminili, i bambini e gli adolescenti autistici e non autistici avevano punteggi quasi identici, con le donne autistiche che raggiungevano un punteggio medio di 2,91 rispetto a 2,89 nel gruppo dei neurotipici.

Ma i bambini e gli adolescenti non autistici maschi hanno ottenuto punteggi di reciprocità sociale molto più alti rispetto ai maschi non autistici. Il divario tra i punteggi è stato maggiore di 2,16 nel gruppo autistico rispetto a 3,22 nella coorte neurotipica.

I risultati dello studio sostengono l’idea di camuffamento comportamentale in cui le femmine autistiche si presentano come simili alle femmine non autistiche.

Al contrario, i maschi autistici presentati come molto diversi dai maschi non autistici, anche se i maschi e le femmine autistici avevano livelli molto simili di tratti autistici.

È importante notare che lo studio ha misurato anche la teoria della mente dei partecipanti, cioè la loro capacità di riconoscere lo stato mentale degli altri.

Questo è stato indagato attraverso una versione per bambini del famoso test Reading the Mind in the Eyes, in cui i partecipanti guardano una serie di immagini quando era visibile solo la regione degli occhi di una persona.

I bambini e gli adolescenti dovevano poi far corrispondere l’emozione trasmessa a una delle quattro parole, come arrabbiato o felice.

I risultati hanno mostrato che i bambini e gli adolescenti, sia maschi che femmine, avevano una teoria simile dei punteggi mentali. Poiché la reciprocità sociale era molto più avanzata nelle donne rispetto ai partecipanti maschi, ciò fornisce un’ulteriore prova della mimetizzazione compensativa nelle donne autistiche.

Allora, perché è così importante per i professionisti capire il camuffamento?

Il dottor Wood-Downie spiega: “In generale, l’intervento precoce è una buona cosa, e l’intervento successivo è di solito associato a risultati di sviluppo più scadenti. Se ci sono individui di sesso femminile che si trovano in difficoltà, è meglio riconoscerlo prima, in modo da mettere in atto un sostegno adeguato per coloro che ne hanno bisogno. E, in effetti, ci sono ricerche che suggeriscono che le donne autistiche vengono prelevate solo una volta che hanno raggiunto il punto di crisi – cioè, ricevono una diagnosi di autismo solo dopo essere state indirizzate ad altri servizi di salute mentale per cose come la depressione, l’ansia e i disturbi alimentari”.

Altri studi di ricerca hanno scoperto che alcuni maschi autistici si mimetizzano, e quindi questi individui sono anche a rischio per simili difficoltà di salute mentale.

Dr. Julie Hadwin, della Scuola di studi sull’educazione dell’Università di Liverpool Hope e membro del Centro per l’educazione e l’analisi politica della speranza (CEPA), che ha contribuito alla ricerca, sostiene che “il mimetismo stesso è qualcosa che può portare a difficoltà”.

“È una cosa stressante e faticosa da fare”. Le ragazze descrivono il camuffamento come il doversi costantemente mimetizzare per essere qualcosa che non sono”. E, naturalmente, è una cosa davvero difficile da mantenere”.

“Le donne possono avere una crisi d’identità, perché cercano di non essere se stesse e allo stesso tempo si impegnano in strategie di mimetizzazione che richiedono molto sforzo e lasciano poco spazio alla capacità di impegnarsi in altre cose, come il lavoro scolastico”.

Tutto questo, sostiene il dottor Wood-Downie, può indicare che, quando si tratta di diagnosticare l’autismo, potrebbe essere necessario spostare i punti di arrivo in base al genere.

Ma il Dr. Wood-Downie è anche veloce nel sottolineare che l’approccio della società all’autismo non dovrebbe mai essere a senso unico.

Egli spiega: “L’attenzione non dovrebbe essere solo sulle persone autistiche. Se la società nel suo insieme accettasse maggiormente le differenze sociali che gli individui autistici spesso mostrano, forse sentirebbe meno il bisogno di cercare di mimetizzarsi. Questo è qualcosa che sono davvero desideroso di sostenere. C’è anche una cosa chiamata “problema della doppia empatia”. In passato, le persone, compresi i ricercatori, hanno spesso dato per scontato che si trattasse di un problema di comprensione degli altri da parte degli autistici. Ma, in realtà, va in entrambi i sensi. Le persone non autistiche hanno difficoltà a capire le persone autistiche, mentre le persone autistiche hanno difficoltà a capire le persone neurotipiche. È una doppia mancanza di comprensione che porta a difficoltà”.