Una piccola quantità di un farmaco noto come Ecstasy o Molly,  da quando è stato messo fuori legge quasi 30 anni fa, si trova all’interno di una cassetta di sicurezza altamente controllato, imbullonato al pavimento di una stanza chiusa che è accessibile solo attraverso un’altra stanza anch’essa chiusa presso il County Harbor-UCLA Medical Center.

La possibilità di adoperare la Metilenediossimetamfetamina, o come è meglio conosciuta MDMA , ai ricercatori che volevano studiare se e come la “droga-empatia” poteva alleviare i sintomi di alcune malattie mentali  fino a pochi anni fa veniva negata.
002_charles_grobDr. Charles Grob , psichiatra presso Harbor-UCLA e ricercatore a Los Angeles Biomedical Research Institute, o LA BioMed, è stato il primo ad ottenere l’approvazione dalla Federal Food and Drug Administration e la Drug Enforcement Administration per iniziare una sperimentazione clinica di MDMA. Da quando ha iniziato la sperimentazione circa 10 anni fa, ha scoperto come il farmaco può essere utile per gli adulti con diversi gradi di autismo .
E proprio di recente, Grob ha iniziato un nuovo ciclo di ricerche con i pazienti con  disturbo neurologico dello sviluppo.
“La domanda che si è posto Grob era: ‘Possiamo utilizzare nuovamente determinate tecniche in modo oggettivo per esplorare i metodi di trattamento?’ , ma farlo in modo responsabile però, a differenza di quanto accaduto negli anni ’60.”
Grob, che è anche direttore della Divisione di Psichiatria Infantile e dell’Adolescenza al Harbor-UCLA Medical Center vicino a Torrance, non è l’unico interessato a queste prospettiva, psichiatri da tutto il mondo stanno studiando se il farmaco può aiutare coloro che soffrono da disturbo da stress post-traumatico. Ma Grob vuole scoprire se sarà possibile alleviare l’ansia sociale e l’isolamento subito da quelli con autismo.caratteristici del disturbo dello spettro autistico.

Grob e la sua partner di ricerca, Alicia Danforth, hanno iniziato la  “psicoterapia preparatoria” con tre pazienti autistici che hanno accettato di provare il trattamento MDMA. Lo studio in ultima analisi comprendere 12 partecipanti, un terzo dei quali riceveranno un placebo.alicia-headshot-crop-sm
Ogni paziente sarà ricoverato in ospedale per un accurata osservazione fisica e sottoposto ad esami medici la notte prima di assumere la piccola dose di 75-125 mg del farmaco. Grob o Danforth saranno poi al loro fianco per eseguire altri test medici e per monitorare le loro reazioni. Fondamentale secondo Grob sarà un ambiente confortevole per il trattamento.

Leggi anche  Genetica ed evoluzione cerebrale nell'autismo

Grob crede come la MDMA e gli allucinogeni, come la psilocibina – il farmaco attivo nei funghi psichedelici – e la ayahuasca, un intruglio fatto da una pianta di vite che provoca allucinazioni, potrebbero contenere indizi per invertire i sintomi negativi della malattia mentale e la tossicodipendenza (in particolare l’alcolismo).

Grob ha condotto anche due studi nel 1993 e nel 2001 utilizzando la ayahuasca con un gruppo religioso in Brasile, che utilizza l’impianto per l’illuminazione spirituale.  Dal 2004 al 2008, ha condotto ricerche per determinare se la psilocibina potrebbe aiutare i malati di cancro in fase terminale per affrontare meglio la morte . In entrambi i casi, ha trovato una forte evidenza di come  i farmaci siano stati efficaci e utili più di quel che offre la medicina moderna. Egli spera di trovare dei risultati simili con lo studio corrente con l’ MDMA .
“Stiamo cercando qualcosa per facilitare il cambiamento in positivo “, afferma Grob. “Non si può prendere una persona autistica e renderla non-autistico, ma si può trattare l’ansia sociale che la travolge.”image3257

I ricercatori europei hanno cominciato ad interessarsi agli allucinogeni fin dalla fine del 1800, ma il campo di studio è decollato veramente quando il dottor Albert Hofmann ha sintetizzato un ammide dell’acido lisergico, chiamato LSD-25, nel 1940. Dopo 20 anni della sua scoperta, LSD e altri allucinogeni simili sono stati diffamati e resi fuori legge, perché la loro popolarità si era diffusa tra la cultura giovanile, fino a diventare qualcosa che la società tradizionale vedeva come “il sospettato principale per causare e incitare un caos culturale” .

®Copyright Portale-autismo.it un progetto di  Totem Solution e Cammino di Santiago
oppure

Accedi con le tue credenziali

oppure    

Forgot your details?

oppure

Create Account