Dentro la stanza che alleggerisce l’autismo.

Di FILIPPO SIMONETTI

Taglio del nastro da copione e decine di palloncini bianchi e azzurri in cielo. Il modo migliore per festeggiare la Giornata mondiale della consapevolezza sull’autismo. Inaugurata ieri a Vercelli la stanza multisensoriale tecnologicamente più avanzata d’Italia: nella sede messa a disposizione dall’Anffas, Angsa Novara-Vercelili (Associazione nazionale genitori soggetti autistici) e Biud10 (onlus vercellese che ha finanziato il progetto) hanno regalato un sogno alle persone con disturbi dello spettro autistico e problemi comportamentali. La sala, realizzata in poco più di un mese, é grande 35 metri quadrati ed é costata 60 mila euro. In Italia ce ne sono altre a Verona, Caltagirone e all’ospedale fiorentino Careggi, ma quella di Vercelli è la prima quanto a tecnologia. Dentro ha una pedana rotante, un’altalena di tessuto, un cuscino avvolgente, due nicchie, fibre ottiche, un proiettore per foto e video, fasci di luce e oggetti sensoriali. La personalizzazione delle impostazioni consente scelte sostenute dalla spinta motivazionale: ogni fruitore avrà i suoi video, musica, vibrazioni, aromi.

La stanza é il risultato di una progettazione integrata e prevede esperienze di scoperta, rilassamento e interazione. Un ambiente che facilita l’autodeterminazione e migliora la qualità della vita, permette di intervenire sugli stati di disregolazione comportamentale e sui disturbi sensoriali oltre a costituire un contesto privilegiato per l’interazione. La testimonianza di Fiorella, affetta da sindrome di Asperger, vale più di mille parole: «Nel mio caso le luci al neon producono effetti pesanti. Qualche minuto trascorso in questa stanza basta per trovare un equilibrio che dura settimane».

Paolo Zanoni di Biud10 é stato chiaro: «Dopo il micronido e l’area giochi inclusiva un altro sogno si realizza. Speriamo che altre città seguano il nostro esempio». Riconoscenza e gratitudine nelle parole di Benedetta Demartis e Francesca Debernardi (Angsa), di Lorenza Fontana e Chiara Pezzana. I dettagli del funzionamento sono stati spiegati dagli architetti Lorenzo Romualdi ed Elena Bellini della Duit, società di ricerca e sviluppo. Tramite un tablet e una pulsantiera i fruitori della stanza sono in grado di scegliere il tipo di suggestione e stimolazione sensoriale. Presente l’assessore regionale al welfare Augusto Ferrari.

Pubblicato il 03/04/2017 da La Stampa
Queste ed altre iniziative di DU IT sono disponibili scaricando questa Presentazione

Commenta

commenti

Raffaele Ettrapini

Laureato in Psicologia, Neuroscienze, all’ Università degli Studi di TRENTO. Iscritto all’Albo degli Psicologi di Trento. Specializzando presso la Scuola di Psicoterapia Cognitiva di Verona. Iscritto a ISAAC ITALY. Si è specializzato nell’ ambito dei disturbi dello Spettro autistico attraverso la partecipazione a Master, Corsi di formazione e di perfezionamento. Ha svolto attività di ricerca e collabora con il Dipartimento di Scienze della Cognizione e della Formazione, Laboratorio di Osservazione Diagnosi e Formazione (ODFLab), dell’Università degli Studi di Trento.