Per il terzo anno Angsa propone un Calendario.

Il Calendario che raccoglie le opere di persone grandi e piccole con autismo incontra sempre maggiore gradimento. Prima di tutto sono gli  autori dei dipinti che sono grati di essere valorizzati. Le famiglie espongono con orgoglio la pubblicazione.

Il Calendario Angsa è un oggetto da collezione data la sua esclusività e le richieste di avere una copia aumentano progressivamente.
Ogni pagina presenta un dipinto eseguito da bambini, ragazzi e adulti con autismo.
Le ammirevoli riproduzioni eseguite da persone con autismo da tutta l’Italia, ammaliano inevitabilmente l’osservatore qualcuna per il ritmo dei colori qualche altra per la ricerca del particolare o semplicemente per l’insieme delle tinte, talvolta vivaci o acquerellate ma sempre in grado di suscitare un’emozione profonda soprattutto se si conosce il vissuto dal quale sono scaturite.
Il messaggio che riceviamo è forte e ci manifesta un grande impegno e una sensibilità che dobbiamo cercare di onorare, rispettare e gratificare.
Il Sig. Giancarlo Bizzotto ci ha regalato una presentazione del nostro Calendario Angsa 2014 e consigliamo a tutti di vederla e di inviare il link ad amici e contatti.
La conoscenza crea cultura e rispetto, la condivisione dà forza e motivazione.

Se desiderate non mancare all’appuntamento con il Calendario Angsa Nazionale per il 2015, e volete contribuire alla tutela delle persone con autismo, potete prenotarlo a:

contatti

Raffaele Ettrapini

Laureato in Psicologia, Neuroscienze, all’ Università degli Studi di TRENTO. Iscritto all’Albo degli Psicologi di Trento. Specializzando presso la Scuola di Psicoterapia Cognitiva di Verona. Iscritto a ISAAC ITALY. Si è specializzato nell’ ambito dei disturbi dello Spettro autistico attraverso la partecipazione a Master, Corsi di formazione e di perfezionamento. Ha svolto attività di ricerca e collabora con il Dipartimento di Scienze della Cognizione e della Formazione, Laboratorio di Osservazione Diagnosi e Formazione (ODFLab), dell’Università degli Studi di Trento.