Traversetolo – La risposta del sindaco alla mamma

267

Sicuramente avrete sentito la notizia sulla donna che aveva dovuto rinunciare al voto perché al figlio autistico era stato proibito di entrare con lei in cabina (vedi articolo). Finalmente è arrivata una risposta dal sindaco di Traversetolo, in provincia di Parma Ginetto Mari.

Ecco la risposta

Siamo veramente rammaricati di quanto accaduto: se avessimo saputo in anticipo della sua situazione famigliare, avremmo certamente disposto delle misure atte a permetterle di recarsi con serenità ai seggi e di poter espletare il suo diritto di voto”.

Dopo essere venuto a conoscenza della notizia riportata da Redattore sociale il sindaco sottolinea che l’amministrazione si adopererà “affinché in futuro non si riproponga la stessa situazione […]Voglio sottolineare che l’obiettivo del nostro comune, il compito e l’impegno profuso dagli operatori impegnati nella gestione ed organizzazione della complessa macchina elettorale va nel senso di porre in essere tutte le azioni volte a consentire ai cittadini e a tutti i nostri elettori la libera espressione del diritto di voto in un clima di serenità e rispetto reciproco in osservanza di quanto stabilito dalla normativa di settore”.

Chiedo pertanto alla signora così come a tutti i cittadini, la cortese disponibilità a comprendere che il personale ai seggi è composto da uomini e donne che si impegnano con grande spirito di servizio nello svolgere il compito a cui sono chiamati nell’interesse della collettività e che è gravato da rilevanti responsabilità anche di carattere penale. Sarà inoltre nostro preciso impegno e nostra cura sensibilizzare ancora di più gli operatori ai seggi verso una maggiore attenzione nella gestione delle situazioni di difficoltà che si possono verificare sempre e comunque nel rispetto della normativa e del regolare svolgimento delle operazioni di voto – conclude Mari – Siccome è nostra abitudine avere coi cittadini un rapporto diretto e sincero, e perché crediamo che il confronto e il dialogo siano fattori imprescindibili per il vivere civile, per il benessere e lo sviluppo della nostra piccola comunità, ho telefonato personalmente alla Signora Delnevo per poterla incontrare di persona e parlare dell’accaduto”.